La mia risposta breve non cambia mai. Prevede due letture… Una presa poco a monte dello scaricatore di condensa per assicurarsi che ci sia flusso, e l’altra presa immediatamente dopo lo scaricatore. Se lo scaricatore funziona correttamente, si sentirà un ciclo di funzionamento. Ultrasonicamente, ciò significa che il segnale a valle dello scaricatore di condensa dovrebbe essere silenzioso, seguito da aumenti intermittenti dei livelli di dBµV, che indicano lo scarico.

Ascoltando il ciclo di uno scaricatore di condensa in questo modo, i tecnici degli ultrasuoni possono determinare se stia funzionando correttamente e come dovrebbe. I tecnici saranno anche in grado di determinare eventuali problemi di collegamento.

Nel corso degli anni, ho riscontrato problemi con questo metodo di ispezione. Il problema più evidente è che i tempi di ciclo degli scaricatori variano notevolmente. Questo porta a tempi di ispezione incoerenti e imprevedibili. Sebbene si tratti più di una seccatura che di altro, questo fa sì che gli ispettori ci pensino due volte prima di eseguire ispezioni e interventi di manutenzione predittiva sugli scaricatori di condensa, soprattutto se si considera che la maggior parte di essi può essere sostituita con poche centinaia di dollari.

Quanto costano gli scaricatori di condensa non manutenuti?

È uno spreco di tempo, denaro e risorse eseguire il monitoraggio delle condizioni e implementare interventi di manutenzione predittiva su un asset con un costo di sostituzione così basso?

Assolutamente No! Non è una perdita di tempo, denaro o risorse. Il vostro sistema di vapore e gli scaricatori di condensa che lo compongono sono progettati per fornire vapore pulito dalle sale caldaie al punto di utilizzo previsto, nel modo più efficiente possibile. Il vapore non è una risorsa industriale creabile a buon mercato.

L’energia termica necessaria per convertire l’acqua in vapore si misura in Unità Termiche Britanniche. Un BTU aumenta la temperatura di una libbra d’acqua di un grado Fahrenheit. Ciò significa che quando una libbra di vapore si condensa in acqua, è stato sprecato un BTU.

Il sistema di vapore deve ridurre al minimo le perdite, massimizzare il trasferimento di calore e rimuovere i gas condensabili e non condensabili che rendono il vapore impuro. Quando gli assets che compongono il sistema di vapore vengono ignorati, i componenti si deteriorano, l’ efficienza del sistema di vapore si deteriora, e alla fine non sarà più in grado di svolgere il proprio compito.

I guasti al sistema vapore comportano dispersioni di vapore a causa delle perdite, spreco di vapore quando si condensa in vapore acqueo, e una qualità inferiore del vapore che raggiunge il punto di utilizzo previsto. I guasti al sistema vapore comportano anche un aumento delle emissioni di gas serra, in quanto è necessario produrre più vapore per compensare le perdite. In conclusione… Una manutenzione inadeguata dei sistemi vapore comporta perdite maggiori rispetto al semplice prezzo di sostituzione dei componenti.

Ispezione in sicurezza degli scaricatori di condensa

Prima di proseguire, vorrei sottolineare che il vapore è un bene pericoloso. Il personale addetto alla manutenzione, gli operai e i tecnici del monitoraggio delle condizioni devono essere consapevoli che il vapore ha sia pressione che temperatura… per non parlare del fatto che è anche invisibile. Quando si vede quello che la maggior parte delle persone chiama “vapore”, in realtà è solo vapore acqueo che si è raffreddato e condensato in acqua, e non è eccessivamente pericoloso.

Le perdite di vapore invisibili, invece, sono molto calde, molto pericolose, ad alta pressione e veramente INVISIBILI. Possono bruciare i vestiti e sciogliere la carne umana. Per questo motivo raccomando sempre ai tecnici che vanno a monitorare gli scaricatori di condensa di indossare i DPI adeguati. Ciò significa indossare maniche lunghe, guanti, protezioni per gli occhi e qualsiasi altro articolo DPI obbligatorio per quel luogo della struttura.

Prima di entrare in un’area in cui potrebbero esserci perdite di vapore vivo, meglio eseguire un’ispezione ad ultrasuoni con sensori aperti dell’area. Lo strumento migliore a tale scopo è la SonaVu™ Acoustic Imaging Camera, che non solo individua le perdite di vapore nel sistema, ma visualizza anche sullo schermo ogni potenziale pericolo.

Dopo aver eseguito un’ispezione a ultrasuoni in aria e aver confermato l’assenza di perdite di vapore pericolose, posso procedere con l’ispezione a ultrasuoni a contatto degli scaricatori di condensa che intendo monitorare.

Utilizzo di un sensore a contatto per l’ispezione degli scaricatori di condensa

Quando una nuova tecnologia arriva sul mercato, emergono modelli di acquisto prevedibili. I produttori amano gli early adopters, i consumatori all’avanguardia che sono sempre i primi a possedere gli ultimi e più grandi gadget che il mercato ha da offrire. Questi consumatori servono come terreno di prova per la nuova tecnologia e spesso il loro contributo aiuta a indirizzare lo sviluppo della seconda e terza generazione di prodotti. Gli early adopters sono in netto contrasto con chi preferisce aspettare e vedere come va, gli “wait and see”.

Se non si dispone di un sensore a puntale e si utilizza un sensore a montaggio magnetico o un sensore filettato, è importante ricordare di rimuovere con cura il sensore subito dopo l’ispezione. La temperatura ambientale di funzionamento di questi sensori SDT va da 13 a 104 gradi Fahrenheit. Il vapore all’interno del sistema a 100 PSI è di circa 338 gradi Fahrenheit. Limitare l’esposizione dei sensori a queste temperature è necessario per prolungarne la durata. Lo stesso vale per altri sensori a ultrasuoni.

Torniamo quindi all’ispezione degli scaricatori di condensa. Ecco un’ispezione relativamente semplice che indicherà rapidamente all’operatore se lo scaricatore presenta una modalità di guasto e, in caso affermativo, quale modalità di guasto.

Uno scaricatore di condensa bloccato chiuso

A great way to determine if a steam trap is failed closed is using your ultrasound detectors built in spot radiometer to measure the traps temperature. Most sophisticated ultrasound data collectors have a spot radiometer for recording and measuring temperature readings.

Using my SDT340’s Spot Radiometer, I am checking to see if live steam has reached the steam trap. If the steam trap is failed closed, condensate will have gathered near the opening of the steam trap, reducing the temperature of the trap.

While preforming this inspection, you must consider heat transfer. Heat transfer is simply how much thermal loss occurs from the inside of the piping system to the outside of the piping system, where you are taking your temperature readings. It is safe to assume that there will be about a 10% thermal loss from the interior of the steam system to its exterior. Therefore, I would expect my 100 PSI steam system which is internally 338 degrees Fahrenheit to show an external temperature of around 300 degrees Fahrenheit

A Steam Trap that is Failed Open

Once you’ve concluded your steam trap is not failed closed, you must check for the other common steam trap failure mode – failed open.

Using an ultrasound detector, determining if live steam is getting past the steam trap and dumping into the condensate system is an easy process. You are simply trying to detect turbulent flow inside the steam system’s piping.

Take your contact ultrasound probe and touch it to the upstream side of your steam trap. You are looking for any inherent background ultrasonic signatures in the system. Now touch your contact sensor to the downstream side of the trap and listen. What you should expect to hear on a functioning steam trap is an ultrasound signal less than or equal to the original ultrasound reading taken upstream. If the ultrasonic signal is significantly louder on the downstream side of the trap, you are listening to the steam trap discharge. If it continuously discharges, congratulations, you have found steam trap that is just blowing money into your condensate system.

To put it into a few succinct words, if a steam trap is hot and quiet, it is working correctly.

Posted by Allan Rienstra